SanPietroburgo.it s.r.l. - Via San Senatore n. 2 - 20122 Milano - Tel: 02-867211 / 02-84256650 - Fax: 02-700434094

ORARI APERTURA:
I NOSTRI UFFICI SONO AL MOMENTO CHIUSI FINO A NUOVA DATA.
PER OGNI COMUNICAZIONE, CONTATTATECI PER EMAIL

Home       Chi Siamo      Newsletter      Offerte       Area Downloads       Scarica il catalogo       Contatti

Tour individuali in hotel
Tour di gruppo in hotel
Viaggi in Camper
Viaggi a Samarcanda
Crociere Fluviali in Russia
Viaggi in moto
Transiberiana
Viaggi di Nozze in Russia
Viaggi in Cina
  Tour Georgia e Armenia
Viaggi di istruzione
Studiare Russo
  Visti per la Russia
  Altri visti
  Voli per la Russia
  Prenotazione Hotel
  Appartamenti
  Treni russi
  Vendita immobili
  Notti Bianche
  Hermitage
  Rivoluzione russa 1917-2017
  Auto d'epoca
  Anello d'Oro
  Cultura
  Vivere SPB
  Foto Gallery
  Saintpetersbourg.net
  Salento Viaggi Vacanze
  Appartamenti Otranto
  Scambio link




Da 1290 euro (PRENOTAZIONE ENTRO IL 31.05)

valida fino al

31/05/2022

Da 1190 euro (PRENOTAZIONE ENTRO IL 31.05)

valida fino al

31/05/2022

Da 1490 euro

valida fino al 30/06/2020

Da 1840 euro

valida fino al 31/05/2022

Da 1190 euro

valida fino al

31/05/2022

   Da 1190 euro (PRENOTAZIONE ENTRO IL 31.05)

valida fino al

31/05/2022

   Da 1190 euro (PRENOTAZIONE ENTRO IL 31.05)

valida fino al

31/05/2022

1490 euro

valida fino al

30/06/2020

1840 euro

valida fino al

31/05/2022

1290 euro (PRENOTAZIONE ENTRO IL 31.05)

fino al 31/05/2022

1190 euro (PRENOTAZIONE ENTRO IL 31.05)

fino al 31/05/2022

890 euro - tutto compreso!

offerta tutto compreso

fino al 31/05/2022

1190 euro (PRENOTAZIONE ENTRO IL 31.05)

fino al 31/05/2022

890 euro - tutto compreso!

offerta tutto compreso

fino al 31/05/2022

Scopri tutte le nostre offerte del mese!


Viaggi a Samarcanda (Uzbekistan)
Il mito di Samarcanda Uzbekistan Citta' dell'Uzbekistan Cucina,folklore,tradizioni La via della seta
Personaggi Tappeti orientali Le 1000 e una notte.. Fotogallery Contatti
Viaggi Samarcanda 2020 Tour "Via della Seta"
10 giorni / 8 notti

Tour liberi Offerte e Promozioni
Personaggi
Tamerlano Gengis Khan Marco Polo Il Milione
   

Il Milione

viaggi in uzbekistan Tra le opera letterarie pių famose al mondo vi č senza dubio Il Milione. Al suo ritorno dalla Cina nel 1295, la famiglia Polo si sistemò nuovamente a Venezia, dove attiravano folle di persone con i loro racconti incredibili, tanto che qualcuno ebbe difficoltà a credere che fossero stati davvero nella lontana Cina.
L'animo avventuriero di Marco Polo lo portò fino a partecipare nel 1298 alla Battaglia di Curzola combattuta dalla Repubblica di Genova contro la Repubblica di Venezia, ma venne catturato e tenuto prigioniero per alcuni mesi. In questo periodo dettò in lingua d'oïl a Rustichello da Pisa (anch'egli prigioniero dei genovesi) Le deuisament du monde, un racconto dei suoi viaggi nell'allora sconosciuto Estremo Oriente, poi conosciuto anche come Il Milione .
l titolo Il Milione deriva da un soprannome dell'autore, per aver usato più volte questa parola nel descrivere la quantità di beni amministrata dal Kublai Khan. Del tutto priva di fondamento e prove è la teoria che vuole il titolo postumo del suo libro, Il Milione, derivato da un soprannome di famiglia, "Emilione" (nome di un antenato di Marco Polo), divenuto per aferesi Milione.
In seguito il libro fu rimaneggiato da autori francesi, i quali apportarono delle correzioni personali e modifiche linguistiche sia durante sia dopo il periodo del Rinascimento, aggiungendo icone e qualche pittura miniaturizzata che se da una parte servivano ad abbellire l'opera rendendola più gradevole, dall'altra lo impoverivano sul piano della scoperta facendolo passare per uno scritto denso di fantasticherie e relativo a un mondo inesistente o immaginario.
Solo durante il periodo dell'Illuminismo si tenderà a rivalutare il testo più antico e fedele al vero Milione e a dargli il posto che merita nella storia delle esplorazioni.
La storiografia contemporanea ha molto ridimensionato il personaggio storico di Marco Polo, a causa della praticamente totale assenza di conferme della sua presenza in Cina nei testi cinesi del periodo, fatto tanto più strano se si considera che Polo sostiene di essere stato amministratore di una provincia cinese per circa 3 anni e questo è un fatto che poteva difficilmente passare non registrato dai cronachisti orientali. Questa mancanza di conferme in testi ufficiali, unita ad altre inesattezze o parti fantasiose del testo, pur considerando le manipolazioni posteriori, mettono seriamente in discussione, se non la storicità di Marco Polo, certamente molte notizie narrate nel Milione.viaggio in uzbekistan
All di là delle leggende, dei sogni, dei miraggi e delle illusioni alimentate in poeti e conquistatori, per secoli, il Milione ha dato all’Occidente l’immagine più vera di un mondo pressoché ignoto: l’Oriente. Grande è il varco che il libro di Messer Marco Polo aprì verso quella civiltà lontana e diversa: scoprendola e rivelandola, per la prima volta, all’Europa. Ed inestimabile rimase l’apporto alle conoscenze geografiche del tempo.
E così favola e realtà si ritrovano in questo trattato geografico dalla struttura composita, in cui la narrazione, risentendo dell’influsso di generi diversi, passa dall’andamento novellistico a quello dell’exemplum, dal racconto agiografico al resoconto storico. Come in una moderna guida turistica - sottolinea Cesare Segre nell’Introduzione all’edizione Meridiani Mondadori - le indicazioni sulla posizione e la conformazione dei paesi si allargano a note sulle produzioni locali, sugli usi caratteristici, su vicende storiche e aneddoti».
A Marco Polo, ambasciatore del Gran Khan, interessa vedere «le tante maravigliose cose del mondo», o più semplicemente «le cose che sono per lo mondo»: «più amava li diversi costumi de le terre sapere che sapere quello perch’egli avea mandato». È, infatti, la curiosità appassionata del viaggiatore veneziano per i costumi, la vita, le tradizioni, le abitudini dei diversi popoli, il suo senso dell’ignoto, la sua sete per il nuovo e l’insolito della realtà, il tratto distintivo e il motivo conduttore di questa semplice e grandiosa guida dell’Asia.
Diversamente da come a lungo è stato letto dalla critica, il Milione non vuole essere un manuale pratico per i commercianti occidentali, un libro di memorie di un mercante destinato ai mercanti. Anche le notizie commerciali - relative ai prezzi di trasporto, ai vari tipi di moneta, alle tasse e alle varie mercanzie - che occorrono qua e là nel testo, appaiono, in realtà, «aspetti di vita». «Per il veneziano – sostiene L. Olschki in L’Asia di Marco Polo (Civelli, Firenze, 1957) – il mondo è tutto uno spettacolo che egli ritrae come può e ricorda, in una grande varietà di stili e in illimitate manifestazioni naturali e umane».
«Sintesi laica e terrena da porsi accanto alle due celebri sintesi in cui in cui si è riassunto il Medioevo teologico e filosofico, la Summa di San Tommaso d’Aquino e la Divina Commedia», è il Milione per Luigi Foscolo Benedetto: l’autore di un’edizione critica rimasta assolutamente fondamentale per lo studio della storia testuale del libro.
Il testo originale di Marco Polo e Rustichello è scomparso, ma bizzarro, irrequieto, instabile e sfuggente, Le Livres de messer Marco Polo è sopravvissuto in innumerevoli redazioni e traduzioni, dove, innumerevole e frantumato, riappare un mondo irrequieto, magico e reale: l’Asia del XIII secolo.

tour in uzbekistanLa tradizione manoscritta del testo e le edizioniviaggio di gruppo uzbekistan
Immenso successo riscuote fin da subito il Milione, tanto che già all’inizio del Trecento circola in versioni toscane più o meno fedeli. Testimoni della sua grandissima fortuna sono, oltre alle molteplici redazioni, i ben oltre 130 codici che ci hanno tramandato il testo nelle più diverse lingue: dal latino al francese ai dialetti italiani (in particolar modo il veneto), al catalano, al portoghese, al tedesco, al boemo all’irlandese. E se le redazioni in latino erano ad uso dei missionari e degli scienziati, quelle nelle lingue volgari e nei dialetti avevano come destinatari commercianti e viaggiatori - oltre naturalmente ad attestare la fruizione del Milione anche solo come semplice libro d’evasione.
Tuttavia, proprio la copiosa mole di manoscritti, insieme alla perdita dell’originale redatto in franco-italiano da Rustichello, ha originato problemi di carattere filologico tali che appare pressoché impossibile ricostruire un testo che si avvicini all’originale. La traduzione toscana del Milione - compiuta da un volgarizzatore che spesso cade in errori e fraintendimenti dell’originale franco-italiano - è stata conservata da cinque manoscritti: II II 61; II IV 88; II IV 136 della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze; Ashburnhamiano 525 della Biblioteca Laurenziana; Ital. 434 della Biblioteca Nazionale di Parigi.
tour di gruppo uzbekistanEbbene, a lungo il Milione è stato letto nella redazione toscana detta dell’«ottimo». «Ottimo» è il nome dato al codice magliabechiano II.IV. 88, che è per l’appunto il più autorevole manoscritto italiano tra le antiche traduzioni toscane. Si tratta di una riduzione, spesso imprecisa, dell’originale di Rustichello - scritta al più tardi nel 1309, quindi posteriore ad esso di pochi anni.
Essendo stata proposta in numerose edizioni si è finito poi per identificare questa versione toscana con l’opera composta realmente da Marco Polo e Rustichello.
In seguito, tuttavia, fondamentale è stata la ricostruzione di Luigi Foscolo Benedetto, che ha invece basato la sua edizione critica (Il Milione, prima edizione integrale a cura di Luigi Foscolo Benedetto, Firenze, 1928) sul manoscritto 1116 della Biblioteca Nazionale di Parigi, nettamente franco-italiano: Le Divisament dou monde. Al testo prescelto ha unito in apparato i passi mancanti in tale manoscritto, lasciandoli nella forma con cui sono pervenuti fino a noi (francese, toscana, veneta, latina). Quindi, ha tentato l’unificazione linguistica e stilistica di tutto il materiale raccolto, traducendolo in prosa moderna italiana (Il libro di Messer Marco Polo Cittadino di Venezia detto il Milione, dove si raccontano le Meraviglie del Mondo, Milano-Roma, 1932).offerte uzbekistan
A partire dagli importanti contributi di Luigi Foscolo Benedetto, gli studi filologici, più o meno recenti, hanno così stabilito che tre sono i manoscritti più vicini all’archetipo: una traduzione latina, purtroppo tarda e mutila ma che contiene passi assenti negli altri due; il codice francese 1116 della Nazionale di Parigi, in assoluto il migliore; ed infine la redazione trecentesca toscana che stata stabilita da V. Bertolucci Pizzorusso.
La Bertolucci Pizzorusso nella sua edizione critica - la prima della versione toscana e sicuramente la più attendibile di tutte le altre precedenti edizioni - ha ribaltato la scelta tradizionale, dimostrando che più che emendare il cosiddetto «ottimo» con l’aiuto degli altri manoscritti, occorreva innanzi tutto optare per l’inedito II IV 136, confrontandolo poi, naturalmente, con gli altri codici.
Quest’edizione critica pubblicata da Adelphi (Milano, 1975) è stata ristampata anche nell’edizione a cura di A. Lanza e con Introduzione di Giorgio Manganelli (Ed. Riuniti, Roma 1980), e nell’edizione della collana «I Meridiani» di Mondadori, assieme alla redazione franco-italiana (Milione. Le Divisament dou monde, a cura di G. Ronchi e con Introduzione di C. Segre, Mondadori, Milano 1982).

In realtà Marco Polo, sebbene dichiari che «le cose vedute dirà di veduta e•ll’altre per udita», non sempre descrive paesi che ha davvero visto: non visitò mai né il Giappone né il Tibet.


 

Scarica qui in formato WORD il documento completo con le proposte viaggio a Samarcanda e in Uzbekistan 2020


Scarica qui in formato PDF il documento completo con le proposte viaggio a Samarcanda e in Uzbekistan 2020

 

Il Milione. Il milione.
« Egli è vero che al tempo che Baldovino era imperadore di Gostantinopoli - ciò fu ne gli anni di Cristo 1250 -, messere Niccolaio Polo, lo quale fu padre di messere Marco, e messere Matteo Polo suo fratello, questi due fratelli erano nella città di Gostantinopoli venuti da Vinegia con mercatantia, li quali erano nobili e savi sanza fallo. Dissono fra loro e ordinorono di volere passare lo Gran Mare per guadagnare, e andarono comperando molte gioie per portare, e partironsi in su una nave di Gostantinopoli e andarono in Soldania. »
(Marco Polo, secondo capitolo del Milione)
Una pagina del Milione.Il Milione è un'opera saggistico-biografica di Rustichello da Pisa che narra le avventure del mercante veneziano Marco Polo.Una prima versione del libro venne scritta in veneziano ed una seconda in lingua d'oïl (un dialetto da cui nacque poi la lingua francese) da Rustichello da Pisa che trascrisse le avventure di Marco Polo quando questi si trovava prigioniero a Palazzo San Giorgio di Genova. Il titolo originale era Le divisament du monde. Il libro fu solamente scritto in volgare visto che il latino non veniva oramai più parlato e fu poi scritto in diverse altre lingue parlate in Europa. Lo scritto si rivelò subito un successo, tenuto conto che ancora non esisteva la stampa.L'originale è andato perduto, e sfortunatamente molte edizioni tradotte dall'originale sono in conflitto tra di loro (una versione francese deriva dalla versione latina, evidentemente più diffusa che non l'originale).Il nome Milione deriva dal soprannome con cui lo stesso Marco Polo fu soprannominato per aver fatto ricorso più volte a questa parola nel descrivere le quantità di beni amministrate dal Gran Cahn Cubilai. Non per niente vi è una maschera carnevalesca veneziana chiamata Marcho Milioni. Altre correnti fanno risalire il nome all'avo di Marco, Emilione. Quest'opera ebbe una grande importanza per la conoscenza del lontano Oriente e contribuì a segnare l'inizio di una nuova epoca: quella in cui l'uomo europeo, liberatosi ormai delle paure dell'alto Medioevo, si affacciava al mondo esterno con sguardo curioso e indagatore, come un conquistatore sicuro di sé e dei propri mezzi. Marco Polo Rustichello da Pisa Il Milione

Home Servizi ON-LINE! Contatti Area Downloads Visti per la russia Viaggi in camper in russia Privacy Condizioni generali di vendita
SanPietroburgo.it s.r.l. - Via San Senatore n. 2 - 20122 Milano - Tel: 02-867211 / 02-84256650 - Fax: 02-700434094

ORARI APERTURA: I NOSTRI UFFICI SONO AL MOMENTO CHIUSI FINO A NUOVA DATA.
PER OGNI COMUNICAZIONE, CONTATTATECI PER EMAIL

1999 - 2020© Copyright -  Sito realizzato da 650Mb web agency - made in Salento 
Page Rank Check
Contatta sanpietroburgo.it
anche su:
Sanpietroburgo.it su facebook Sanpietroburgo.it su Twitter Sanpietroburgo.it su Flikr Sanpietroburgo.it su myspace Sanpietroburgo.it su You tubeSanpietroburgo.it su Bliklist Sanpietroburgo.it su BiggerPocket Sanpietroburgo.it su B Kontakte Sanpietroburgo.it su Viaggiatori.net Crocierissime.it