0

SanPietroburgo.it s.r.l. - Via San Senatore n. 2 - 20122 Milano - Tel: 02-867211 / 02-84256650 - Fax: 02-700434094

ORARI APERTURA: lunedi/giovedi 9 - 19:00. venerdi 9-18 orario continuato. Sabato 9:00 - 12:30

Home       Chi Siamo      Newsletter      Offerte       Area Downloads       Scarica il catalogo       Contatti

Tour individuali in hotel
Tour di gruppo in hotel
Viaggi in Camper
Viaggi a Samarcanda
Crociere Fluviali in Russia
Viaggi in moto
Transiberiana
Viaggi di Nozze in Russia
Viaggi in Cina
  Tour Georgia e Armenia
Viaggi di istruzione
Studiare Russo
  Visti per la Russia
  Altri visti
  Voli per la Russia
  Prenotazione Hotel
  Appartamenti
  Treni russi
  Vendita immobili
  Notti Bianche
  Hermitage
  Rivoluzione russa 1917-2017
  Auto d'epoca
  Anello d'Oro
  Cultura
  Vivere SPB
  Foto Gallery
  Saintpetersbourg.net
  Salento Viaggi Vacanze
  Appartamenti Otranto
  Scambio link




Da 1440 euro

valida fino al

30/06/2019

Da 1340 euro

valida fino al

30/06/2019

Da 1490 euro

valida fino al 30/06/2019

Da 1840 euro

valida fino al 30/06/2019

Da 1340 euro

valida fino al

30/06/2019

   Da 1340 euro

valida fino al

30/06/2019

   Da 1340 euro

valida fino al

30/06/2019

1490 euro

valida fino al

30/06/2019

1840 euro

valida fino al

30/06/2019

1440 euro

fino al 30/06/2019

1340 euro

fino al 30/06/2019

890 euro - tutto compreso!

offerta tutto compreso

fino al 30/06/2019

1340 euro

fino al 30/06/2019

890 euro - tutto compreso!

offerta tutto compreso

fino al 30/06/2019

Scopri tutte le nostre offerte del mese!


Cultura a San Pietroburgo
Letteratura russa Musica e teatri Musei Architettura
Architetti Chiese Palazzi storici
Fortezza dei Santi Pietro e Paolo Cattedrale di San Isacco Cattedrale di Kazan Chiesa del Salvatore
Cattedrale di San Nicola Cattedrale di Vladimirsky Monastero Alexander Nevskij Altre chiese

 

 

 

CATTEDRALE DI SANT’ISACCO SAN PIETROBURGOCATTEDRALE DI SANT’ISACCO SAN PIETROBURGO

 

Fra la piazza dei Decabristi e la vicina piazza Sant'Isacco si trova la Cattedrale di Sant'Isacco. La costruzione dell'attuale chiesa, la quarta, fu affidata dallo zar Alessandro I, nel 1819, al francese Auguste Montferrand che la terminò nel 1858.

Fra le chiese di San Pietroburgo è da tutti ritenuta, se non la più bella, certamente la più sfarzosa. La cupola dorata è alta 101,5 metri; 112 colonne di granito rosso, monolitiche, reggono i quattro portici; 112 colonne anche all'interno, e numerosissime statue, vetrate e mosaici, decorazioni d'oro, di bronzo e di marmo. Misura 111,2 metri di lunghezza e 97,6 di larghezza e può accogliere 14.000 persone. Dalla cupola si gode una splendida panoramica sulla città e sul golfo di Finlandia.

Durante la seconda guerra mondiale San Pietroburgo subì, da parte dei tedeschi, un memorabile assedio durato 900 giorni (oltre 600.000 morti). La città fu colpita da oltre 150.000 bombe e granate e molti edifici, tra cui il lato ovest della Cattedrale di Sant’Isacco, recano ancora evidenti i segni di quello scempio. Riuscì a resistere fino alla liberazione avvenuta nel gennaio 1944.


E’ dedicata a Sant’Isacco di Dalmazia, che si festeggia nello stesso giorno in cui nacque Pietro il Grande.

 

Di fronte alla Cattedrale di Sant’Isacco si trova la statua dello zar Nicola I.

 

 

NICOLA I

 

Lo zar Nicola I, che sale al trono nel 1825, manca delle doti del fratello, Alessandro I, sia sotto l'aspetto intellettuale che spirituale. Egli vede il suo ruolo come quello di un autocrate paternalista che deve governare il suo popolo con qualunque sistema, se necessario.


Questo atteggiamento, di tipo paternalista, dominerà tutta la storia della Russia per il resto del secolo. Impressionato dalla rivolta dei Decabristi, Nicola I imprigiona la società russa in una struttura rigidamente controllata.
La polizia segreta, il famigerato "Terzo Reparto" crea una rete di spie ed informatori; il governo esercita la censura sulle pubblicazioni e su tutti gli aspetti della vita pubblica e stretti controlli sul sistema educativo . Nel 1833 il ministro dell'educazione Sergey Uvanov concepisce un programma di autocrazia, ortodossia, nazionalismo come principale guida del regime.
Il popolo deve mostrare lealtà all'illimitata autorità dello Zar, alle tradizioni della Chiesa Russo-Ortodossa e, in modo più vago, alla nazione Russa. Questi principi non servono per guadagnare l'appoggio della popolazione mentre invece portano alla repressione ed anche alla soppressione delle nazionalità non russe e delle religioni diverse da quella ufficiale. Per esempio il governo sopprime nel 1839 la Chiesa Uniate in Ucraina ed in Bielorussia.

NICOLA IL'enfasi che viene posta sul tema del nazionalismo genera un dibattito interno su quale debba essere il ruolo della Russia nel mondo.
Una corrente di pensiero, detta degli "Occidentali", ritiene che la Russia sia arretrata e primitiva e che il progresso possa essere ottenuto solamente attraverso una maggiore occidentalizzazione. Un altro gruppo, quello dei Pan-Slavisti , è entusiasta di tutto ciò che è slavo sia in campo culturale che per quanto riguarda le tradizioni e vuole tenere lontano dalla Russia l'Occidente e la sua cultura. Gli slavofili vedono nella filosofia slava la fonte primaria dello spirito russo e guardano con sospetto il razionalismo ed il materialismo dell'occidente. Alcuni di essi ritengono che le comunità contadine russe, dette mir offrano una valida alternativa al capitalismo occidentale facendo della Russia un potenziale messia sia in campo sociale che morale.


Malgrado le repressioni, in questo periodo fioriscono, in Russia, la letteratura e le arti. Attraverso i lavori di Aleksandr Pushkin, Nikolai Gogol, Ivan Sergeyevich Turgenev, e numerosi altri, la letteratura russa acquista importanza anche a livello internazionale. Il balletto mette solide radici in Russia dopo la sua importazione dalla Francia e la musica classica giunge a piena maturità con i lavori di Michail Glinka.


In politica estera Nicola I si presenta come il protettore dei legittimi governanti e barriera contro qualunque forma di rinnovamento. Si offre di reprimere ogni ribellione nel continente europeo accettando l'etichetta di gendarme dell'Europa.
Nel 1830, sulla scia dei moti francesi che hanno portato alla cacciata di Carlo X, i polacchi della Polonia Russa si ribellano chiedendo l'indipendenza. Nicola I stronca la ribellione, abroga la costituzione polacca e riduce la Polonia stessa ad una provincia russa.
Nel 1848, quando tutta l'Europa è scossa da moti rivoluzionari la Russia rappresenta la prima linea della reazione. Nel 1849 Nicola I interviene in aiuto degli Asburgo e collabora nella repressione della rivolta in Ungheria, e sprona anche la Prussia a non accettare una costituzione di tipo liberale. Aiutando le forze conservatrici contro lo spettro della rivoluzione Nicola I pensa di dominare l'Europa.


Questi sogni di dominio sono comunque illusori. Mentre si presenta in Europa come il baluardo dello status quo, la Russia mantiene una politica aggressiva nei confronti dell'Impero Ottomano. Nicola I segue la tradizionale politica di risolvere quella che viene chiamata questione orientale attraverso la spartizione dell'impero Ottomano e stabilendo un protettorato sulle popolazioni di fede ortodossa nei Balcani, ancora in larga parte, nel 1820, sotto controllo turco. La Russia combatte con successo una guerra negli anni 1828 e 1829 e firma nel 1833 il trattato di Unkiar-Skelessi con l'Impero Ottomano.CATTEDRALE DI SANT’ISACCO SAN PIETROBURGO
Le maggiori potenze europee credono, erroneamente, che il trattato contenga clausole segrete sui diritti di transito di navi da guerra attraverso gli stretti del Bosforo e dei Dardanelli. Attraverso la Convenzione sugli Stretti firmata a Londra nel 1841, esse confermano il controllo ottomano su questi siti di importanza strategica e proibiscono a qualunque potenza, compresa la Russia, di far attraversare gli stretti da navi da guerra.
Forte del suo ruolo di repressore dei moti del 1848 e credendo, erroneamente, di avere l'appoggio diplomatico della Gran Bretagna, Nicola I provoca gli Ottomani, che dichiarano guerra alla Russia nel 1853. Temendo gli effetti di una sconfitta dei Turchi da parte della Russia, nel 1854 Gran Bretagna e Francia entrano nel conflitto, in quella che verrà chiamata Guerra di Crimea, come alleati dell'impero Ottomano.
Anche il Regno di Sardegna si unisce all'impresa, che considera un buon trampolino di lancio per entrare a far parte del gioco politico europeo. L'Austria offre alla Turchia appoggio diplomatico e la Prussia sceglie di rimanere neutrale, lasciando così la Russia priva di alleati. Gli alleati europei sbarcano in Crimea e pongono sotto assedio la ben fortificata base russa di Sebastopoli. Dopo un anno di assedio la città cade mettendo così in luce le carenze militari della Russia.

Prima che Sebastopoli cada, Nicola I muore, lasciando al suo successore Alessandro II la necessità di scegliere tra una politica di sostanziali riforme o la rinuncia, per la Russia, al ruolo di grande potenza.

 

http://cathedral.ru/isaac
Isaakievskaia pl
11-18 da giovedì a martedì
Ingresso a pagamento

 

TOUR RUSSIA CLASSICA 2017 - 10 giorni / 9 notti 1290 EURO! Prenotazione entro il 28 febbraio 2017 - CONSULTA L'OFFERTA!

TOUR CAPITALI RUSSE 2017- 8 giorni / 7 notti 1190 EURO! Prenotazione entro il 28 febbraio 2017 - CONSULTA L'OFFERTA!

TOUR SAN PIETROBURGO 5 giorni / 4 notti SOLO 790 EURO TUTTO COMPRESO! CONSULTA L'OFFERTA!

CROCIERA FLUVIALE Mosca - San Pietroburgo 11 giorni / 10 notti 1490 EURO! Prenotazione entro il 28 febbraio 2017 - CONSULTA L'OFFERTA!

Scarica il documento completo sulla proposta Tour Russia Classica 2017

Scarica il documento completo sulla proposta Tour Capitali Russe 2017

Scarica il documento completo sulle proposte TOUR SAN PIETROBURGO 2017

Scarica il documento completo sulle proposte CROCIERE FLUVIALI MOSCA - SAN PIETROBURGO

Contattateci per maggiori informazioni

 


Home Servizi ON-LINE! Contatti Area Downloads Visti per la russia Viaggi in camper in russia Privacy Condizioni generali di vendita
SanPietroburgo.it s.r.l. - Via San Senatore n. 2 - 20122 Milano - Tel: 02-867211 / 02-84256650 - Fax: 02-700434094

ORARI APERTURA: lunedi/giovedi 9 - 19:00. venerdi 9-18 orario continuato. Sabato 9:00 - 12:30

1999 - 2017© Copyright -  Sito realizzato da 650Mb web agency - made in Salento 
Page Rank Check
Contatta sanpietroburgo.it
anche su:
Sanpietroburgo.it su facebook Sanpietroburgo.it su Twitter Sanpietroburgo.it su Flikr Sanpietroburgo.it su myspace Sanpietroburgo.it su You tubeSanpietroburgo.it su Bliklist Sanpietroburgo.it su BiggerPocket Sanpietroburgo.it su B Kontakte Sanpietroburgo.it su Viaggiatori.net Crocierissime.it